Alberi!

Le terre, le radici, i rami e il vento tra le foglie, nelle rappresentazioni infantili della PInAC

locandina mostra

In collaborazione con il MIUR, il Corpo forestale dello Stato-Centro nazionale per lo studio e la conservazione della Biodiversità Forestale “Bosco Fontana”, il Comune di Rezzato
Co-finanziamento
 Fondazione Cariplo e il sostegno di Fondazione Maria Enrica, Fondazione ASM, gruppo a2a, Detas/Dleds.
Con il patronato
 di Regione Lombardia.

Gli alberi parlano da alberi
come i bambini parlano da bambini.
Quando un bambino
si mette a conversare con un albero,
l’albero gli risponde,
il bambino lo sente.
"

(Jaques Prevert)

Le parole del poeta francese descrivono puntulamente il senso della scelta che ha guidato PInAC per la produzione della mostra ALBERI! Le terre, le radici, i rami e il vento tra le foglie, nelle rappresentazioni infantili della PInACnella seconda annualità del progetto Metissakana, anno 2013-2014 cofinanziato da Fondazione Cariplo.

Immergersi nell’archivio della Raccolta museale, alla ricerca delle opere, ha consentito di mettersi all’ascolto delle conversazioni che bambine e bambini da diversi angoli del mondo, intrattengono fittamente con gli alberi quando li rappresentano con colori, matite e pennelli.

La mostra ALBERI! Le terre, le radici, i rami e il vento tra le foglie costituisce per educatori, genitori e insegnanti, studiosi e adulti curiosi un’occasione concreta per riflessioni sia di ordine psico-pedagogico che antropologico, oltre che estetico-espressivo perché:

 

  • L’albero rappresenta un mito trasversale alle culture e alle religioni
  • È essenzialmente simbolo di vita.
  • Nei test proiettivi viene inteso come il simbolo dell’uomo, rappresenta la vita, lo slancio vitale, la forza e la sicurezza.

ALBERI! per i giovani visitatori è invece l’occasione speciale di confrontarsi con compagni e compagne lontane nel tempo e nello spazio. Potranno incontrare i baobabs africani e le betulle, i meli del Trentino, le viti toscane le piante indiane del the, la palma e gli abeti, l’ulivo e il bambù.

E poi gli alberi dei boschi fantastici delle fiabe, della letteratura e dell’arte…


In sintesi:
51 opere 
prodotte da giovani e giovanissimi autori e autrici tra i 4 e i 16 anni, e realizzate fra il 1960 e i 2013.
Tecniche utilizzate nelle opere: 
tempere, acquarelli, matite colorate, china, linoleografia, gessi, pastelli, grafite
Provenienza: 
Italia, Perù, Romania, Kenia, Francia, Cina, Repubblica Ceca, Ecuador, Albania, Australia, Usa, Russia, India.

Il catalogo che accompagna la mostra è in 4 lingue: italiano, inglese, francese e spagnolo


Durata della mostra:
DAL 20 OTTOBRE AL 30 GIUGNO - PROROGATA FINO AL 5 OTTOBRE 2014

Orari:
il mattino dal martedì alla domenica 9,30 12
Il sabato e la domenica anche 15-18

powered by (ORBITA)